Il gruppo del Pd: «Occhiuto bene fa a rimuovere dirigenti per impegni di spesa non congrui, ma sullo scandalo del click day che sta affossando tante imprese calabresi non ha nulla da dire?»

Data

«Va apprezzata davvero l’attenzione con la quale il governatore Roberto Occhiuto ha controllato gli impegni di spesa per l’acquisto di gadget da parte del Dipartimento Turismo, arrivando a revocare un decreto di spesa da 160mila euro e annunciando la rimozione della dirigente che non ha rispettato le indicazioni generali. Vorremmo, però, che la stessa attenzione il presidente della giunta la rivolgesse anche a questioni ben più importanti».
I consiglieri regionali del Pd Domenico Bevacqua, Ernesto Alecci, Franco Iacucci, Nicola Irto e Raffaele Mammoliti, si riferiscono all’incresciosa vicenda relativa al cosiddetto click day che sta facendo collezionare l’ennesima figura barbina alla nostra Regione.
«A parte i server andati in tilt per il grande numero di richieste pervenuto dalle aziende interessati ai finanziamenti regionali – prosegue la nota diffusa dal gruppo del Pd – al momento del vero click day i 35 milioni di euro si sono volatilizzati subito premiando circa 400 imprese ed escludendone oltre mille. Con quale criterio è avvenuta la scelta? Con nessun criterio. Semplicemente è stata premiata velocità con la quale le domande sono state presentate».
«Risorse importanti e magari fondamentali per molte delle imprese escluse – dicono ancora i consiglieri del gruppo Pd di Palazzo Campanella – sono andati a chi meglio ha saputo utilizzare le procedure informatiche, senza nessun riguardo a competenze, progetti, solidità ed esperienza o, comunque, qualsiasi altro criterio che avesse a che fare con la meritocrazia».
«Su facebook Occhiuto è molto bravo a dare una rappresentazione di efficienza e velocità – conclude la nota del gruppo del Pd – da questo suo dinamismo ci aspetteremmo anche la stessa rapidità nel chiedere scusa alle migliaia di aziende lasciate fuori dai finanziamenti regionali».

Altri
Articoli